Allevamento tartarughe terrestri

Timide, lente e goffe ma che suscitano tanta simpatia, sono le tartarughe Europee di terra a cui dedicheremo questo breve articolo per meglio focalizzare alcuni aspetti. Una domanda che spesso ricorre tra tutti coloro che intendono progettarne il loro allevamento è: Dove posso allevare la mia tartaruga? In terrario o all’aperto?

Trattandosi di tartarughe Europee, l’allevamento all’aperto con un’ampia zona esposta al sole rimane la soluzione migliore. Tuttavia, anche in questi spazi necessariamente recintati si consiglia sempre di realizzare un rifugio all’ombra di un cespuglio. In questo spazio le tartarughe potranno godere di un po’ di fresco nella stagione secca e lo utilizzeranno come nascondiglio umido per effettuare il letargo invernale.

Quando usare il terrario?

Destineremo l’uso del terrario a tutte quelle specie che avranno bisogno di un maggiore controllo come le piccole tartarughe, i giovani esemplari o quelli bisognosi di cure. Proprio come nel loro habitat naturale, queste tartarughe andranno allevate al caldo e all’asciutto (25 C°) in estate e al freddo e all’umido nella stagione invernale (5 C°).

Come illuminare il mio terrario?

Per il benessere di questi animali ricordiamo che, oltre alla luce diurna, l’impiego di una lampada a raggi UV-B al 10% sarà indispensabile per la sintesi della vitamina D3 così come l’utilizzo di una lampada alogena (ca. 40 C°).

Posso riscaldare il mio terrario?

Chiariamo che i terrari per le tartarughe terrestri Europee (Testudo graeca iberica, Testudo marginata ecc) non devono essere riscaldati sul fondo in quanto questi animali con il tempo, andrebbero incontro a secchezza di carapace e malformazioni. Installate dunque un tappetino riscaldante sulla parete posteriore del terrario. Ricordate che per ciò che concerne il riscaldamento così come la ricostruzione di un habitat non esistono regole comuni per tutte le specie. Sarà nostra cura, dunque, prima di avventurarci in un qualsiasi progetto, effettuare uno studio approfondito sulla specie che intenderemo allevare.

Posso usare come fondo per il mio terrario la terra comune?

La terra di campo così come tutti i substrati che possiamo ritrovare in natura, contengono batteri, organismi e muffe capaci di creare veri e propri danni ai nostri animali. Utilizzate dunque substrati dedicati e sterilizzati come la fibra di cocco, capaci inoltre di trattenere la giusta umidità nella stagione invernale, avendo cura di sostituirla quando sarà necessario. Ricordiamo inoltre, sia nell’allevamento all’aperto che nel terrario, di fornire sempre acqua fresca e pulita in una ciotola sufficientemente ampia per permettere alle nostre amiche tartarughe di bere agevolmente e di fare anche qualche piccolo bagno.

Preparare il substrato - Sera Coco Soil

https://www.sera.de/it/prodotto/terrario/sera-reptil-coco-soil/

Illuminare il terrario - Sera Desert Reptil Compact

https://www.sera.de/it/prodotto/terrario/sera-reptil-desert-compact-20-w/

 


 

sera logo

Il tuo personal trainer per il benessere dei tuoi pesci, rettili e anfibi

Cerca nel sito

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.